contenuti di qualità

Ecco cosa abbiamo imparato sul Copywriting Online.

Questo articolo non ha la pretesa di essere in grado di cancellare tutti i vostri dubbi su quale sia il modo migliore per scrivere contenuti di qualità, e non è nemmeno una guida scientifica sul web copywriting. Molto più semplicemente, è una panoramica generale di piccoli consigli e annotazioni che possono essere utili, qualora siamo chiamati a dover scrivere per il web.

Per chi stiamo scrivendo?

Ancora prima di iniziare a pensare a cosa scrivere, è fondamentale riflettere su quali sono i destinatari del nostro messaggio: gli internauti usano il web per cercare informazioni e trovare risposte ad una domanda, e se non trovano quello che cercano in tempi brevi, state certi che se ne andranno subito.

Bisogna toglierci dalla testa l’idea che l’online copywriting segua gli stessi identici canoni della scrittura per la carta stampata: ovviamente condividono la stessa attitudine, ma lo fanno seguendo traiettorie diverse. I siti web sono più faticosi da leggere, non sono lineari, sono spesso interattivi e multimediali e soprattutto, l’attenzione dell’utente tende a svanire molto velocemente quindi è necessario creare dei contenuti che soddisfino, in maniera efficace, le sue esigenze.

Come strutturo il testo del mio contenuto?

E’ inutile sforzarsi di creare contenuti originali se poi nessuno li capisce o li legge, quindi il testo deve essere fruibile ed agevolare la lettura:

  • evitate il muro di parole;
  • frammentate il testo, strutturandolo in paragrafi;
  • siate concisi e chiari;
  • non perdetevi in preamboli inutili;
  • utilizzate frasi brevi e semplici che possano essere comprensibili al più alto numero di persone possibili.

La scelta del titolo del nostro articolo o post, non è solo la conseguenza di una scelta stilistica, quanto piuttosto è il modo attraverso cui cerchiamo di selezionare i nostri destinatari: spesso gli utenti decidono se rimanere sul nostro sito solo se viene stuzzicato il loro interesse, quindi è molto importante elaborare titoli intriganti.

Un buon titolo facilita la fruizione del testo, favorisce il posizionamento del vostro contenuto sui motori di ricerca e agevola gli utenti non-vedenti, i quali con l’aiuto dello screen-reader, navigando tra i vari titoli,  possono saltare parti del testo, se il contenuto non gli interessa.

E’ fondamentale garantire la leggibilità del testo

copywriting
Se ci pensate, vi renderete conto che, specialmente sul web, un contenuto è costituito dal testo ovviamente, ma anche dal suo aspetto grafico quindi ci sono alcuni piccoli accorgimenti da seguire per agevolarne la lettura. Non è questa la sede per soffermarci sulle specifiche tecniche del graphic design; ci interessa semplicemente capire come possiamo rendere il testo ancora più fruibile per il lettore. A livello operativo:

  • è meglio preferire i caratteri Sans Serif, con una dimensione 12 per il corpo del testo;
  • il grassetto è utile per evidenziare le parole chiave ma non bisogna abusarne;
  • il corsivo utilizzatelo con parsimonia e lasciatelo per i titoli delle opere o per evidenziare un concetto particolare o magari una parola straniera (quando ha senso farlo!);
  • il sottolineato è quasi sempre utilizzato per mettere in evidenza i links, quindi evitate di usarlo nel testo vero e proprio perché correte il rischio di creare confusione nel lettore.

Interessante è anche notare che gli esperti di online copywriting, consigliano di utilizzare la forma interrogativa e la forma esclamativa: la prima perché stimola l’attenzione del lettore, che si aspetta di trovare all’interno del nostro articolo la risposta alle sue domande; la seconda perché conferisce al contenuto una connotazione di consiglio e non è vista dall’utente come un’imposizione o una regola, quindi lo legge volentieri senza obblighi.

E’ meglio prediligere un tono conversazionale

Abbiamo già sottolineato come l’interattività caratterizza i siti web e da questo deriva il fatto che è necessario pensare ad un testo come fosse un dialogo faccia a faccia e personale tra voi e i vostri utenti: non abbiate remore ed utilizzate il “noi”. Nell’approcciarvi a scrivere contenuti di qualità per/sulla vostra azienda o organizzazione, ricordate che non dovete essere per forza legati ad un tono formale: si possono creare contenuti efficaci utilizzando un linguaggio semplice, e al tempo stesso utilizzare quando serve (appunto, solo quando serve!) anche termini tecnici o più ricercati.

Una buona regola nell’approccio editoriale alla scrittura per il web è quella di arrivare dritto al sodo: è meglio spiegare subito cosa potete fare per i vostri utenti, come potete aiutarli, piuttosto che tessere le vostre lodi e raccontargli solo quanto siete bravi.

Riflessioni sulle parole chiave per il testo

Typewriter Keywords

No, non mi sono dimenticata di parlare delle keywords; sappiamo tutti che sono l’elemento fondamentale a livello di indicizzazione sui motori di ricerca, ma questo non è un articolo sulle tecniche di Seo.

In linea generale, è importante sapere che solitamente i risultati di rilievo per gli internauti sono i primi tre della prima pagina della serp, e recenti studi affermano che gli utenti non si limitano più a ricercare una singola parola, ma hanno cominciato ad inserire vere e proprie frasi nella query. Da ciò si evince che per individuare le parole chiave più efficaci, il nostro focus deve essere l’utente stesso: dobbiamo essere in grado di intercettare quali sono le sue esigenze e cosa sta cercando.

Nel momento in cui ci approcciamo alla scelta delle parole chiave da inserire nel nostro articolo o post, dobbiamo avere una visione ampia, ovvero non dobbiamo soffermarci solo su un singolo termine e i suoi sinonimi, quanto piuttosto tenere in considerazione anche tutto il resto del mondo di appartenenza della parola chiave. Se vi manca l’ispirazione ci sono tantissimi tools su internet che vi possono aiutare con dei suggerimenti; ne citiamo alcuni: Adwords Planner, Google Trend, UberSuggest, SemRush, e così via.

Un altro consiglio: state attenti a mantenere lo stile del vostro contenuto il più naturale possibile, non riempitelo di parole chiave (il cosidetto fenomeno del keyword stuffing), perchè le pagine sature di keywords vengono penalizzate da Google. L’obiettivo è utilizzare le parole chiave con giudizio e buon senso, senza forzature e senza esagerare. La lettura deve essere fluida e non artificiosa: se ripetete la stessa parole in ogni riga o paragrafo, si crea una ridondanza che annoia e disturba il lettore.

ideasConclusioni

In ottica di online copywriting, per riuscire a scrivere sul web in maniera efficace, è bene ricordare che l’obiettivo principale è creare dei contenuti interessanti per le persone che li leggono, e non solo “strizzare l’occhiolino” a Google: è ovvio che è inutile scrivere contenuti di qualità se poi questi non sono visibili e gli utenti non li trovano; ed in ugual misura, non ha senso essere presenti tra i primi risultati della serp se poi il nostro sito o blog offre contenuti vuoti e di scarsa utilità. Ricordatevi sempre che dovete scrivere per gli utenti, per fornirgli le risposte che stanno cercando e raccontargli una storia che li faccia emozionare.

Qualora aveste bisogno di una consulenza approfondita per capire come migliorare il posizionamento del vostro sito e per maggiori info sui nostri servizi di copywriting per il vostro business, non esitate a contattarci!

Marinella Di Mario
Written by Marinella Di Mario
Social Media & CopyWriting