real time marketing copertina

Real Time Marketing: consigli utili e suggerimenti per farlo bene.

In linea generale possiamo dire che il termine Real Time Marketing, abbreviato anche RTM, racchiude tutte quelle strategie di marketing che si focalizzato sui cosiddetti eventi “up-to-date”, cioè eventi ed informazioni che si evolvono in tempo reale.

L’utilizzo di questo tipo di marketing si è diffuso anche grazie alla crescita esponenziale dei social media, che sono da sempre sinonimo di immediatezza e tempestività.

Non è semplice riuscire a mettere in atto strategie vincenti, ma la stragrande maggioranza (ben l’89%) dei più prestigiosi marketers interpellati a tal proposito, hanno affermato che il RTM ha avuto un effetto positivo sui risultati ottenuti dalle loro aziende.

Nell’immaginario collettivo quando si pensa al real time marketing, si pensa subito ai grandi brands che in occasione di eventi importanti o ricorrenze specifiche, pubblicano dei contenuti spiritosi su Twitter o Facebook; questa modalità è chiamata “newsjacking” ovvero la capacità che hanno le aziende di unirsi alla comunicazione che si crea intorno alle ultime news o alle storie avvincenti, spesso utilizzando i loro canali social.

In questo articolo vedremo però che esistono tanti modi altri modi di fare real time marketing e ve li racconteremo, esplorando i suoi diversi ambiti di applicazione, per offrirvi una panoramica più ampia sull’argomento.

real time marketing rtmLe 6 Tipologie di RTM

Partiamo da una premessa importante: il real time marketing non è legato soltanto alle breaking news.

Esistono diverse modalità operative a seconda degli scopi che un’azienda vuole perseguire attraverso la sua strategia di marketing. Ad esempio:

  • Invio di “Triggered Email”, ovvero quelle email che mandiamo all’utente dopo che ha svolto una precisa azione: quando ha effettuato un acquisto oppure si è iscritto alla nostra newsletter, ed allora lo ringraziamo;
  • Social Media Engagement, attraverso un servizio di customer care online che ci consente di rispondere ai commenti o alle domande degli utenti in tempo reale;
  • Copertura mediatica di eventi promozionali;
  • Live tweeting di manifestazioni, spettacoli, programmi tv, concerti, ecc.ecc.;
  • Strategie di Geolocalizzazione, che ci consentono di raggiungere determinati target localizzati in aree specifiche.

E’ chiaro quindi che il Real Time Marketing abbraccia diversi ambiti: dalla comunicazione, ai social, passando anche per la seo ed il marketing puro. E’ una realtà complessa che però può dare grandi soddisfazioni: come afferma lo studio effettuato sull’argomento da Wayin, il 59% dei marketers intervistati, che già hanno utilizzato il RTM, hanno dichiarato che stanno pianificando di incrementare il budget da investire per gli anni futuri.

RTM-6-use-casesSecondo le linee direttive di Altimeter, le strategie di RTM possono essere sviluppate attraverso la combinazione di variabili che si intersecano su due livelli:

  • Reactive/Proactive: l’attitudine del brand può essere reattiva oppure proattiva;
  • Planned/Unplanned: l’evento può essere pianificato o non pianificato.

Analizziamo ora le 6 diverse tipologie di Real Time Marketing che possono essere messe in atto dalle aziende:

    1. Brand Events: ovvero gli eventi organizzati direttamente dall’azienda come il lancio di un prodotto o l’organizzazione di una conferenza, e così via; abbiamo una data stabilita, quindi possiamo pianificare il nostro piano editoriale decidendo in anticipo quali contenuti pubblicare e quando;
    2. Anticipated Events: ci si riferisce agli eventi pianificabili in anticipo, in occasione di particolari ricorrenze temporali o avvenimenti speciali (ad esempio natale, i mondiali, il primo aprile, Sanremo, ecc.);
    3. Location/Object Based: qui si entra a capofitto nelle campagne geolocalizzate, creando dei messaggi ad hoc, sulla base della posizione in cui si trova l’utente o dell’oggetto/servizio che sta cercando;
    4. Predictive Analytics Based: attraverso la raccolta di dati sensibili, l’analisi predittiva ci aiuta a capire come intercettare un numero sempre maggiore di utenti e farli avvicinare al nostro prodotto o al nostro brand, magari proponendogli, con annunci pubblicitari, articoli simili a quelli che hanno già acquistato sullo store online;
    5. Customer Interaction: interagire con i clienti/utenti è fondamentale. Ovviamente non è un marketing pianificabile e necessita attenzione costante e tempestività: un utente vi fa una domanda su Twitter o vi lascia un commento su Facebook? Dovete rispondere subito!;
    6. Breaking News: bisogna essere sempre sul pezzo, ma in maniera intelligente. Non è sufficiente parlare delle ultime novità, bisogna entrare nelle conversazioni proponendo qualcosa in più, contenuti originali, creativi, che catturino l’attenzione degli utenti, ma con un tono adatto ai diversi contesti, perchè altrimenti, soprattutto sui social, il disastro è dietro l’angolo.

    Il successo con il real time marketing può essere raggiunto ascoltando gli utenti, comprendendo quali sono i loro interessi,  e se si è capaci anche di prevedere i loro bisogni. Ricordate sempre che se riuscite ad aiutare un utente (piccole o grandi che siano le sue esigenze), questo poi si trasforma in un cliente fidelizzato.

    AAEAAQAAAAAAAAJuAAAAJDA3NTkwMzI5LWVmZDYtNGE5Yy04ZmE0LTZlOGQ4MzJiYjc5MQIl Real Time Marketing funziona?

    Abbiamo già sottolineato come il real time marketing abbiamo terreno fertile sulle piattaforme di social networking, quindi non stupisce che i marketers più prestigiosi al mondo abbiano deciso negli ultimi anni di investire capitali ingenti nel social media marketing.

    La sfida dell’era digitale non è di certo una di quelle facili, tenuto conto dell’estrema velocità con cui una news o un evento percorre il suo ciclo di vita e diventa “irrilevante” agli occhi del pubblico, perciò è necessario pensare in ottica strategica e non semplicemente a livello di comunicazione.

    Il real time marketing funziona? Sì, ma bisogna farlo bene. E per farlo bene non basta essere creativi e sempre sul pezzo, ma è necessario avere piena consapevolezza di una nozione importantissima: per avere successo sul web la comunicazione deve essere orientata all’intrattenimento, piuttosto che al prodotto. Bisogna comunicare emozioni, non limitarsi a cercare di vendere dei servizi.

    Facciamo un esempio pratico di campagna di RTM che si è trasformata in un vero e proprio epic win (ovvero grande successo): KitKat, il famoso snack al cioccolato, in occasione dell’uscita dell’Iphone 6 Plus, il primo device che si piegava, ha pubblicato il tweet che vedete qui in foto a sinistra. [Noi non ci pieghiamo, ci rompiamo!]. Questo contento ha generato oltre 27.490 re-tweets, cioè più di 27 mila utenti lo hanno condiviso sul proprio profilo, ed oltre 13.000 mi piace.

    D’altra parte dovete sempre aver presente che il web ha una memoria lunga ed infallibile, tutto viene visto e nulla viene dimenticato: è un mezzo potente ma anche pericoloso perciò bisogna riflettere bene prima di agire, ed essere pronti poi ad affrontarne le conseguenze… anche negative!.

    Con la parole di Brian Solis: “Non competere per il momento, competi per il significato. Se competi per il momento sei irrilevante.”. E’ un’affermazione chiara, precisa, che cancella ogni dubbio sulla possibilità di fare real time marketing, tanto per dire di averlo fatto, o solo per farsi notare, ad ogni costo, cavalcando una tendenza o usando l’hashtag popolare in quel momento, senza alcun tipo di rispetto per il contesto in cui stiamo pubblicando il nostro contenuto.

    ideasRiflessioni Conclusive

    Nel Real Time Marketing arrivare per primi non è garanzia di risultato migliore. La tempestività deve obbligatoriamente essere supportata da una creatività intelligente, altrimenti si rischia un epic fail, ovvero un disastro.

    Questo tipo di marketing richiede l’impegno di tutti i settori interni del team: designers, copywriters, creativi, ed analisti. E’ necessario lavorare in sinergia per raggiungere gli obiettivi che ci si era prefissati, siano essi in termini economici, come ritorno dell’investimento (ROI), che in termini di brand-awareness (la percezione che gli utenti hanno del tuo brand).

    E’ un lavoro di squadra e per ottenere risultati soddisfacenti, dovete affidarvi ad una squadra di esperti in web marketing e soluzioni web. Noi conosciamo il settore e siamo in grado di tradurre le vostre esigenze in strategie di marketing efficaci.

    Vuoi approfondire il discorso? Hai dubbi o domande? Ti interessa una consulenza personalizzata? Chiamaci o scrivici! Qui trovi tutti i nostri contatti. :)

Marinella Di Mario
Written by Marinella Di Mario
Social Media & CopyWriting