PR e Digital PR: che differenza c’è e come si usano? Scoprilo con noi!

Con il termine Public Relations (comunemente chiamate PR) si indicano quelle teorie e pratiche di comunicazione che hanno come scopo finale sviluppare relazioni tra azienda e clientela di riferimento.

In una società sempre più tecnologica e mobile come quella odierna, alle PR tradizionali si sono aggiunte le Digital PR che hanno la capacità di creare relazioni più espanse, con una maggiore eco perché nascono nel contesto digitale.

Una delle differenze fondamentali risiede nelle dinamica del messaggio: unidirezionale nelle Public Relations, bidirezionale ed interattiva con le Digital PR, dove prende forma una conversazione diretta, uno scambio reciproco.

La natura digitale delle PR per così dire “moderne” non annulla il valore delle altre, semplicemente esistono in contesti differenti ed hanno obbiettivi diversi che sono quindi da raggiungere attraverso strategie diverse. Sono entrambe efficaci ma funzionano ognuna a proprio modo.

Le Digital PR sono il risultato della necessità di adattare la comunicazione ai nuovi scenari introdotti con la nascita e il diffondersi del Web Marketing. Oggi capiremo insieme cosa sono e come dobbiamo utilizzarle all’interno della strategia aziendale.

Le Digital PR

A livello operativo ci permettono di costruire delle relazioni con il nostro pubblico, con marketers ed influencer, e se usate nel modo giusto hanno effetti positivi anche in termini di conversioni e ritorno sull’investimento (ROI).

A livello strategico dobbiamo riuscire a dare forma al messaggio che vogliamo comunicare alla rete, nel modo più efficace possibile, affinché l’utente/potenziale cliente riconosca in noi una fonte affidabile e ci conceda la sua stima e fiducia.

Quali sono le caratteristiche che contraddistinguono le Digital PR da quelle tradizionali? Ne possiamo identificare tre fondamentali:

  • avvengono online;
  • la comunicazione è mirata e diretta alla promozione;
  • il pubblico è più vicino al brand.

Ovviamente bisogna individuare il formato giusto per raggiungere il target selezionato, senza mai dimenticare che i contenuti che creiamo devono sempre rispecchiare il tone of voice aziendale e al tempo stesso rispettare gli obiettivi prefissati.

Un altro aspetto importante è il cosiddetto Digital Seeding che rappresenta il posizionamento editoriale, ovvero la pianificazione e distribuzione del contenuto sul web. Questo è un processo che si sviluppa attraverso fasi ben distinte come ad esempio:

  1. Analisi del mercato online;
  2. Ricerca della community d’interesse;
  3. Scelta degli eventuali influencer con cui collaborare e a cui inviare i nostri contenuti da condividere;
  4. Elaborazione della strategia di seeding vera e propria;
  5. Costruzione della relazione;
  6. Reporting: naturalmente se ci sono obiettivi aziendali da raggiungere, è necessario analizzare i risultati ottenuti per capire se la strategia ha avuto successo oppure no.

Uno dei vantaggi delle Digital PR è senza dubbio la facilità con cui un contenuto può essere condiviso sui social media e creare un buzz molto velocemente grazie anche al passaparola, ma il messaggio per essere davvero efficace deve catturare l’attenzione del lettore ed è per questo che non ci si può esimere dal seguire le linee guida del Seo Copywriting.

Per riuscire ad arrivare ad una maggiore visibilità online, bisogna essere in grado di gestire il rapporto con Google, che rappresenta il motore di ricerca per eccellenza: essere indicizzati correttamente, trovare il proprio posizionamento, individuare le keywords più performanti, sono tutti tasselli fondamentali per riuscire a generare quanti più backlink possibili, e quindi in ultima istanza per il successo delle pr digitali.

Le Digital PR non funzionano solo con i brand internazionali o le multinazionali, possono svolgere un ruolo importante anche per le PMI se integrate correttamente nella strategia di marketing aziendale.

Se abbiamo una piccola impresa le relazioni andranno costruite prima su base locale/regionale e se opportuno successivamente ci si estenderà eventualmente anche a livello nazionale. Ci concentreremo su specifiche nicchie di mercato per andare ad intercettare quegli utenti che, per interessi, gusti e stile di vita, hanno più affinità con i nostri prodotti o servizi e quindi sono potenzialmente più inclini ad entrare in contatto con noi e conoscerci.

Conclusioni

Lavorare con le Digital PR non è tanto solo una questione di saper scrivere bene o avere le giuste conoscenze nel mondo dei media e dell’informazione; certo entrambe le cose aiutano ma non bastano.

Bisogna pianificare una strategia vera a propria e per riuscire a farlo servono competenze in ambito seo e capacità di analisi ed elaborazione dei dati digitali, quindi hai bisogno del supporto di professionisti del settore.

Il digital marketing è un mondo in continua evoluzione, proprio come lo è il web che non si ferma mai: un universo dalle infinite potenzialità, dal quale però è facile farsi sopraffare, rischiando di perdere di vista lo scopo finale. Le tante informazioni a disposizione vanno elaborate in maniera corretta, affinché possano essere utilizzate per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Vuoi capire meglio come le Digital PR possono aiutare la tua azienda? Possiamo offrirti una consulenza personalizzata che ci permetterà di comprendere chi sei e trovare il modo migliore per aiutarti. Il nostro team è a tua disposizione per elaborare un piano di comunicazione integrato creato su misura per te. Chiamaci, scrivi o passa a trovarci! Tutti i nostri contatti li trovi qui. 🙂

Marinella Di Mario
Written by Marinella Di Mario
Social Media & CopyWriting